Bonaccini: vogliamo tutelare lavoro e reddito nostri agricoltori -2-

red/Rus

Roma, 5 nov. (askanews) - "Abbiamo una piattaforma pronta- ha chiarito Bonaccini- e già approvata all'unanimità dall'Associazione delle Regioni europee per i prodotti d'origine, Arepo. Si tratta di tre punti fondamentali e imprescindibili per l'Emilia-Romagna: fondo di riserva di crisi, quota risorse per i Consorzi delle indicazioni geografiche e priorità dei punteggi nei bandi". In sintesi, la prima richiesta riguarda l'integrazione del fondo di riserva per le crisi da destinare al supporto dei produttori colpiti da dazi. Con il secondo punto si chiede di prevedere una quota di risorse a favore dei consorzi delle indicazioni geografiche (IG) Dop e Igp per la tutela legale nei Paesi non coperti da trattati bilaterali. Infine, come terzo punto, occorre prevedere dei punteggi di priorità nell'ambito dei bandi del Regolamento Ue 1144/2014, per progetti ed azioni promozionali delle Ig colpite dai dazi proprio su quei mercati in cui sono stati imposti. La vice-capo di gabinetto, Siracusa, nel ribadire la grande preoccupazione per i dazi e la vicinanza del commissario Hogan all'Emilia-Romagna, ha appunto anticipato due misure europee pronte a partire nel 2020. La prima che riguarda proprio la promozione, che potrà contare per la prima volta su un plafond di circa 200 milioni di euro per azioni sui principali mercati esteri, tra cui il nord America e l'Asia. La seconda misura riguarda pacchetti di fondi di promozione che possono essere utilizzati in situazioni di crisi o per fornire ulteriori risorse ai programmi di promozione all'interno dell'Unione europea o sui mercati esteri". In conclusione, ha sottolineato la costante attenzione di Hogan al tema della protezione dei prodotti Dop e Igp, atteggiamento che porterà con sé nel suo futuro ruolo di Commissario al commercio.