Bonaccorsi (Pd): da nomine a Sanremo, in Rai è caos

Rea

Roma, 7 gen. (askanews) - "Anno nuovo caos vecchio. La Rai continua a navigare a vista: la governance dell'azienda non sembra essersi schiarita le idee su come gestire i prossimi mesi. La confusione resta a farla da padrona". È quanto dichiara Lorenza Bonaccorsi, sottosegretaria al Mibact.

"All'inizio c'è stata la polemica su Rula Jebral che era stata invitata al festival di Sanremo per affrontare un tema d'emergenza, quello della violenza sulle donne che nel nostro Paese tocca picchi allarmanti (una donna su tre in Italia ha subito una qualche forma di violenza). Poi è stata la volta delle cantanti in minoranza a cui s'è pensato di rimediare aumentando le presenze femminili sul palco, per pareggiare i numeri. Avevamo chiuso l'anno con l'inconcludente balletto sulle nomine, finito nel bluff dell'ad che ha scaricato sui partiti la responsabilità delle sue mancate scelte. Tutto questo caos, testimonia la totale assenza di una governance all'altezza della Rai. Arrivati a questo punto sarebbe il caso che qualcuno prendesse in mano le redini del servizio pubblico. I cittadini italiani che pagano il canone merita di più", conclude l'esponente del Pd.