Bonafede: con prescrizione no apocalisse, primi effetti nel 2024

Bla

Roma, 23 ott. (askanews) - "Sul tema della prescrizione partiamo tutti da punti di vista differenti. La narrazione per cui dal primo gennaio 2020 succede l'apocalisse con l'entrata in vigore della riforma della prescrizione è oggettivamente sbagliata". Lo ha affermato il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, in audizione in Commissione Giustizia della Camera.

Per il guardasigilli "essendo norma di carattere sostanziale e applicandosi ai reati commessi successivamente al 1mo gennaio e non toccando nella parte della prescrizione riguardante la fase delle indagini né tantomeno la parte della prescrizione riguardante i processi di primo grado è una norma che avrà i suoi effetti sul processo non prima, nella più ottimistica delle visioni, del 2024, mentre i pessimisti parlano del 2027".