Prescrizione, Bonafede: "Basta mediazioni, lodo Conte bis in Cdm"

webinfo@adnkronos.com

"Il lodo Conte bis domani dovrebbe andare in Cdm, insieme alla riforma del processo penale, si sta valutando il veicolo normativo migliore, rimane tutto secondo gli accordi presi tra tre forze di maggioranza su quattro e andiamo avanti. Potrebbe essere un ddl, potrebbe essere un dl", ma sul contenuto "non cambia". Lo dice il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, lasciando l'Aula di Montecitorio e puntualizzando che non c'è "nessuna mediazione" in merito. 

Bocciato per nove voti il lodo Annibali  

Fonti Italia Viva: "Pd giustizialista e grillino"  

"Non esiste nessun lodo Conte ter, o almeno io non ne ho a conoscenza. Abbiamo già fatto un lodo Conte, abbiamo poi fatto un lodo Conte bis, che è in realtà una minima correzione degli accordi, direi che il testo resta quello. Rimane tutto secondo gli accordi presi su tre forze di maggioranza su quattro" e "non c'è alcuna mediazione" ulteriore, aggiunge. 

"Non c'è ancora l'ordine del giorno ufficiale ma la volontà della maggioranza è quell di portare la riforma del processo penale all'attenzione del consiglio dei ministri alla prossima seduta", le parole del ministro rispondendo al Question Time alla Camera.  

Giovedì arriva in Cdm sia il lodo Conte bis che la riforma del processo penale, qual è la vostra linea? ''Vediamo, perché per noi di Iv non è chiaro il veicolo, non è chiaro nulla'', replica Lucia Annibali, esponente Iv e autrice dell'emendamento per il rinvio di un anno della riforma Bonafede sulla prescrizione. ''Questo lodo Conte bis è un delirio, è impossibile sostenerlo, è insostenibile e invotabile'', avverte Annibali a margine della seduta congiunta delle commissioni Affari costituzionali e bilancio della Camera.