Bonanni: ''Vaccini strumenti che permettono di aumentare la salute dei pazienti fragili''

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Oggi siamo in una situazione demografica di forte invecchiamento della popolazione. Entro il 2050 il 42 per cento della popolazione europea avrà più di 65 anni e la vita media arriva oggi a 84 anni. Vivendo più a lungo si va incontro maggiormente a rischi di infezioni respiratorie e altre malattie prevenibili con i vaccini. “Bisogna quindi vaccinare gli adulti perché potrebbero non essere stati vaccinati nell’infanzia ma anche perché negli anni si sono resi disponibili nuovi vaccini. Inoltre l’immunità può decadere, e anziani e malati cronici possono essere suscettibili a malattie prevenibili mediante vaccino”. Così Paolo Bonanni, ordinario di Igiene all’università di Firenze durante il webinar "Le vaccinazioni nelle persone fragili. Dubbi e risposte"

“Le persone fragili – ha spiegato il clinico – hanno maggiore rischio di ammalarsi oppure di sviluppare una malattia più grave. La trasformazione demografica ci induce quindi a pensare a una nuova strategia vaccinale: a inizio Novecento la percentuale delle nascite era più elevata di oggi e l’aspettativa di vita era di 60-65 anni, quindi ci si concentrava sulla popolazione pediatrica. Lo scenario oggi è diverso: abbiamo anziani e persone adulte ma con patologie croniche. Questo richiede che la vaccinazione sia una pratica che accompagna la vita”.

“Le barriere al vaccino da parte del paziente fragile purtroppo sono molteplici: mancano sia le raccomandazioni ufficiali e i dati su trial clinici specifici, oltre ad esserci dubbi sulla sicurezza della vaccinazione in pazienti immuno-compromessi e sulla immunogenicità di questi ultimi. Inoltre si deve tener conto che il principale contatto per questi pazienti è lo specialista, il quale però può non seguire le vaccinazioni di routine”.

“Immunizzazione nel corso della vita dà benefici anche economici, dato che la salute è un motore economico. È quindi importante fare gruppo come specialisti per utilizzare i vaccini nelle loro potenzialità, come strumenti importantissimi per salute di tutti”.