Bond, ancora tanta liquidità in attesa di essere investita

Leo Campagna
·3 minuto per la lettura
Bond, ancora tanta liquidità in attesa di essere investita
Bond, ancora tanta liquidità in attesa di essere investita

Nell’ultima settimana Mark Dowding, CIO di BlueBay, ha visto più una pausa che un’inversione in molti mercati: l’ulteriore conferma che c’è ancora una grande quantità di liquidità in attesa di essere investita

In linea con le aspettative di inflazione a medio termine, i rendimenti dei Treasury USA sono aumentati, nonostante il sentiment sia supportato dalla prospettiva di ulteriori stimoli fiscali. “Una dinamica che, negli ultimi giorni, ha cominciato a pesare sugli asset rischiosi, indicando un possibile inasprimento delle condizioni finanziarie” fa sapere Mark Dowding, CIO di BlueBay.

I RENDIMENTI DEI TREASURY LIMITATI IN UN RANGE

L’esperto, tuttavia, confida nel fatto che i rendimenti dei Treasury possano restare all’interno di un intervallo fisso nei prossimi 1 o 2 mesi. “Se i rendimenti obbligazionari USA potranno essere limitati all’interno di un range, gli asset rischiosi potrebbero continuare a registrare performance positive: la caccia al rendimento può far comprimere gli spread e le curve del credito” ribadisce Dowding. Non solo, nel momento in cui i rischi macro dovessero essere ridimensionati, non è escluso che si possa osservare anche un calo della volatilità.

CRISI DI GOVERNO IN ITALIA

Intanto in Europa le vaccinazioni procedono a rilento mentre sono riaffiorati i rischi politici in Italia, con Renzi che ha fatto scattare una crisi di governo. “Dubitiamo che questo sviluppo porterà a elezioni anticipate. Tuttavia se l’Italia dovesse andare al voto a breve, ciò rappresenterebbe un rischio sostanziale, dato il vantaggio di cui godono nei sondaggi i populisti di Lega e Fratelli d’Italia”, sottolinea il CIO di BlueBay.

COSTANTI ACQUISTI SUL MERCATO DA PARTE DELLA BCE

Il quale, pensando che sia giusto ridurre i rischi e valutare di riacquistare se la volatilità di breve termine offrirà un punto di entrata più attraente, nella prima parte della settimana ha preferito chiudere metà delle posizioni in Btp italiani. “In tutti i casi, crediamo che gli spread dell’Eurozona possano restringersi nella prima metà del 2021 per via dei costanti acquisti sul mercato da parte della BCE” specifica Dowding .

IL PESO DEL LOCKDOWN SUL REGNO UNITO

L’attenzione del CIO di BlueBay si rivolge poi al Regno Unito sulle cui prospettive pesa la vita in lockdown. Tuttavia, grazie all’accelerazione della vaccinazione anti Covid-19, si può pensare che l’immunità di gregge nel Regno Unito verrà raggiunta più in fretta che altrove. Un aspetto che nell’ultima settima, ha fornito supporto alla sterlina, grazie anche all’aiuto di un dollaro leggermente più forte. “In ambito valutario ,riteniamo che il trend di indebolimento del biglietto verde che ha caratterizzato il 2020 possa essersi già esaurito. I differenziali di rendimento sono a favore del dollaro, dal momento che quelli dei Treasury sono aumentati, e ci aspettiamo che ciò prosegua nel 2021” sottolinea Dowding.

SUI MERCATI UNA PAUSA PIÙ CHE UN’INVERSIONE DI TENDENZA

“Finché i rendimenti USA non aumenteranno in modo significativo, le azioni e gli spread sul credito continueranno a resistere relativamente bene. I movimenti osservati in aree come i mercati emergenti, invece, offrono l’opportunità di aumentare il rischio su base selettiva” puntualizza il CIO di BlueBay, convinto che lo spazio per una significativa correzione sembra molto ridotto. “Nell’ultima settimana abbiamo visto più una pausa che un’inversione in molti mercati. Dovrebbe essere l’ulteriore conferma che c’è ancora una grande quantità di liquidità in attesa di essere investita” afferma Dowding che poi aggiunge: “Resta pertanto valida la tesi di investimento generale secondo cui le politiche accomodanti supporteranno i mercati nella prima metà dell’anno. Uno scenario che potrebbe cambiare soltanto se le autorità smetteranno di aggiungere stimoli nel secondo semestre, e quello sarà il momento di posizionarsi in modo molto più difensivo”.