Bonetti: sarà legislatura del Family act, no battaglie ideologiche

Ska

Roma, 13 set. (askanews) - Nella sua prima intervista da ministro alla Famiglia e alle Pari opportunità, Elena Bonetti promette una svolta sulle politiche familiari: "Sono contenta - dice intervistata da Avvenire che nel programma ci sia esplicito riferimento, tra le priorità di mandato, al tema delle famiglie, anticipando alcune misure - penso agli asili nido gratuiti - che vogliamo mettere in campo. Le famiglie sono nucleo fondante per il sistema sociale. Se la scorsa legislatura è stata quella del Jobs act, questa dovrà essere quella del Family act: asili nido, assegno per i figli, più diritti per i genitori. Non possiamo e non intendiamo rimandare". L'assegno unico mensile, spiega, "sarà uno strumento economico che accompagnerà tutto il cammino di crescita dei figli, dalla nascita fino alla prima vita adulta, comprendendo anche il percorso formativo". Sui tempi e i modi, però, rinvia alla manovra.

Interpellata sui temi etici, Bonetti replica:"Vorrei che il mio dicastero promuovesse coesione e non divisione. Non permetterò che famiglia e pari opportunità vengano strumentalizzati per alimentare battaglie politiche. Cercherò di proporre un progetto politico chiaro ma non farò mai di questi temi, che sono di tutti, bandiere usate per interessi politici di pochi".

"Da cittadina - dice ad Avvenire a proposito della legge sulle unioni civili - avevo valutato positivamente l'introduzione di tale legge, avevo apprezzato il governo Renzi per il coraggio e la chiarezza con cui aveva delineato un importante passaggio: il riconoscimento di diritti che portasse con sé la necessità di assunzione di doveri nella relazione sociale e di coppia. Sui giornali nei giorni scorsi si è fatto riferimento ad un documento scritto in realtà non da me, ma da giovani all'interno di un percorso formativo di cui io sono stata una dei responsabili come educatrice scout. In quell'occasione abbiamo semplicemente accompagnato dei giovani a maturare un pensiero argomentato e percorsi di discernimento".