Bonifica ordigno bellico, evacuazione per 36mila nel Salernitano

Psc

Napoli, 4 set. (askanews) - Evacuazione temporanea per 36mila cittadini della provincia di Salerno che dovranno abbandonare le proprie case per permettere la bonifica di una bomba di aereo risalente alla Seconda guerra mondiale rinvenuta in un terreno agricolo di Battipaglia. Le operazioni si svolgeranno la prossima domenica 8 settembre e si protrarranno per almeno 8/12 ore.

Il disinnesco sarà condotto dagli artificieri dell'Esercito italiano-21esimo Reggimento Guastatori di Caserta. I residenti interessati dallo sfollamento momentaneo si trovano nel raggio di 1,600 metri dal punto di rinvenimento dell'ordigno.

L'operazione inizierà alle 5 del mattino per agevolare l'azione dei militari e fare in modo che i cittadini possano rientrare il prima possibile nelle loro abitazioni. Saranno evacuati anche l'ospedale Santa Maria della Speranza, il Municipio e il Comando di polizia locale.

Saranno, inoltre, interrotte la circolazione veicolare sull'autostrada del Mediterraneo A2 e sulla Strada statale 18 Tirrenia Inferiore. Stop anche alla circolazione ferroviaria sulla linea Salerno-Reggio Calabria e sulla linea Battipaglia- Potenza-Metaponto. Saranno sospesi anche energia elettrica, gas, linee telefoniche fisse e mobili.

La Prefettura di Salerno, d'intesa con il Genio militare, coordinerà la gestione dell'evento attraverso il centro di coordinamento soccorsi che sarà istituito per l'occasione.