Bonino: Salvini non ha bisogno sostenere sua politica, ci pensa governo

Pol/Vep

Roma, 13 gen. (askanews) - "Negli ultimi anni abbiamo focalizzato la politica estera rispetto alla Libia solo sulla questione migranti, perdendo di vista tutti gli altri problemi, dal traffico di petrolio o di oro alla gestione della Banca di Libia. Abbiamo perso il contesto e ignorato il resto. In Italia si presta pochissima attenzione ai rapporti internazionali, persino a quelli intereuropei. È un Paese in cui i governanti sono normalmente focalizzati su altre priorità. Quindi spesso ci troviamo fuori contesto". Così Emma Bonino, senatrice e leader di +Europa, commenta la situazione in Libia in un'intervista a Circo Massimo, su Radio Capital.

"Di Maio non guida più la macchina nel suo partito. E ciò gli ha impedito di occuparsi di politica estera. Il fatto che non sia andato al G20 è inaccettabile. Poi dicono che l'Italia non conta...". A proposito dell'Emilia Romagna, Bonino dice che "è una regione ben amministrata, non mi pare il tempo di esperimenti fantasiosi. Cosa succederà dopo le elezioni. Fra il Conte 1 e il Conte 2 si parlava di grande discontinuità, ma continuiamo a fare le politiche di Salvini, da quota 100 ai decreti sicurezza. Salvini non ha bisogno di sostenere la sua politica: la sta sostenendo il Conte 2 con l'appoggio rosso del Pd".