Bonus 200 euro Inps, online procedura per badanti e baby sitter

(Adnkronos) - Bonus 200 euro Inps per colf, badanti e baby sitter. Sul sito dell'istituto è disponibile il servizio per richiedere l’indennità una tantum. Colf, badanti e baby sitter in possesso dei requisiti potranno presentare domanda, o farsi assistere nella presentazione, fino al 30 settembre 2022.

Il bonus non è collegato alla busta paga e sarà erogato direttamente dall’Istituto già a partire dal mese di luglio, come ha chiarito l’Inps con la circolare n° 73, come ricorda Assindatcolf, Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico, che tramite patronato Enapa assiste gratuitamente i lavoratori nella presentazione dell’istanza.

"Se, infatti, fino ad oggi erano stati resi noti solo i requisiti tecnici - prosegue Assindatcolf - con la nuova circolare vengono chiarite anche le modalità di presentazione e le relative tempistiche che ancora mancavano. Chi da oggi è intenzionato a presentare domanda autonomamente dovrà seguire la procedura telematica accessibile esclusivamente dal portale dell’Inps previa autenticazione tramite credenziali Spid di livello 2 o superiore, Cie o Cns. Previsto un apposito percorso (dalla home Prestazioni e servizi > Servizi > Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche)".

"Quanto ai requisiti, nella circolare viene ribadito che ad avere diritto all’indennità una tantum da 200 euro sono i domestici che alla data del 18 maggio 2022 avevano in essere uno o più rapporti di lavoro regolarmente registrati all’Inps, non titolari di altra tipologia di rapporto di lavoro dipendente. E ancora, per ottenere l’indennità il domestico non dovrà essere percettore di RdC o titolare di trattamenti pensionistici, pensione o assegno sociale, pensione o assegno per invalidi civili, ciechi e sordomuti, nonché trattamenti di accompagnamento alla pensione, con decorrenza entro il 30 giugno 2022 e dovrà avere un reddito personale assoggettabile ad Irpef, per l’anno 2021, non superiore a 35mila euro al netto dei contributi previdenziali e assistenziali. Ai fini del pagamento, il richiedente dovrà indicare le modalità di accredito selezionando tra codice Iban per bonifico bancario/postale, accredito su libretto postale o bonifico domiciliato o anche il pagamento in contanti presso lo sportello delle Poste. L’Iban comunicato dovrà essere associato ad un conto intestato al richiedente l’indennità”, conclude.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli