"Bonus Inps io no!". L'idea della Meloni: deputati innocenti si escludano con hashtag

Stefano Baldolini
·1 minuto per la lettura
NAPLES, ITALY - 2020/07/24: Giorgia Meloni, leader of the Fratelli D'Italia political party, during a press conference in Naples for the regional elections in Campania. (Photo by Marco Cantile/LightRocket via Getty Images) (Photo: Marco Cantile via Getty Images)
NAPLES, ITALY - 2020/07/24: Giorgia Meloni, leader of the Fratelli D'Italia political party, during a press conference in Naples for the regional elections in Campania. (Photo by Marco Cantile/LightRocket via Getty Images) (Photo: Marco Cantile via Getty Images)

Giorgia Meloni invita i deputati che non hanno richiesto il bonus Inps sulle partite Iva a emergere con l’hashtag #Bonus Inps io no!

“Cinque parlamentari hanno fatto domanda per il bonus 600 euro per le partite Iva. Che squallore! Gli italiani sono in ginocchio e qualcuno nel Palazzo si preoccupa solo di arraffare sempre di più. Ma questo scandalo mette in evidenza anche una vergogna che Fratelli d’Italia ha più volte denunciato: il Governo, incredibilmente, non ha previsto alcun tetto di fatturato e di reddito per il bonus partite Iva, con il risultato che ne ha diritto pure chi fattura milioni o ha altre importanti fonti di reddito, come i parlamentari. Una brutta storia di deputati avidi e governo incompetente sulla quale pretendiamo massima chiarezza. Intanto, visto che l’Inps non fa i nomi per questione di privacy, invito ogni parlamentare a dichiarare ”#Bonus Inps io no!”. In modo che i nomi emergano lo stesso, per esclusione”. Lo dichiara, in una nota, il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.