Boom di casi Covid in Australia, la Nuova Zelanda sospende la 'bolla' dei viaggi aerei

·1 minuto per la lettura

AGI - La Nuova Zelanda ha annunciato una nuova sospensione per almeno otto settimane della 'bolla' dei viaggi aerei con l'Australia, a seguito dell'impennata di casi di Covid-19 nel Paese vicino.

La premier neozelandese, Jacinda Ardern, ha spiegato che in Australia "ci sono diversi focolai, e in diverse fasi di contenimento" e che la decisione si è imposta perché era "a rischio" la salute dei cittadini. 

Era stata introdotta ad aprile

La bolla, che ha consentito di viaggiare tra i due Paesi senza fare quarantene, è diventata operativa ad aprile, sebbene le autorità di entrambi gli Stati si fossero riservate la possibilità di sospenderla completamente o parzialmente in caso di nuovi focolai. Già a giugno c'era stata un'altra sospensione, sempre decisa dalla Nuova Zelanda, 

Ardern ha sottolineato che verrà comunque consentito ai neozelandesi e ai residenti permanenti di rimpatriare, previa presentazione di un tampone negativo; chi si è recato nello Stato del New South Wales, l'epicentro dell'epidemia in Australia, dovrà mettersi in quarantena per due settimane.

I lockdown in Australia

Circa la metà degli oltre 25 milioni di australiani, compresi i residenti delle città di Sydney e Melbourne, sono al momento sotto rigide restrizioni di movimento, dopo la ripresa dei contagi, legati alla variante Delta del Covid. Lo stato del New South Wales ha riportato il maggior numero di nuovi casi dall'inizio dell'anno, facendo scattare il lockdown a Sydney, la città più grande dell'Australia, con le autorità che parlano di "emergenza nazionale".
 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli