Boom psicologia online, primo codice etico per piattaforme digitali

(Adnkronos) - Videochiamate con lo psicologo, piattaforme tecnologiche e tariffe più accessibili: il mondo dei servizi di psicoterapia online ha conosciuto, durante la pandemia, un boom che non accenna a rallentare, con sempre più pazienti che scelgono la via del digitale per il proprio percorso di terapia. Una crescita, però, che può avere anche dei risvolti controversi: con l’allargarsi del mercato e l’aumento dell’offerta di soggetti erogatori di servizi di terapia, infatti, c’è il rischio che la qualità del servizio e la trasparenza nella comunicazione non siano sempre prioritarie come dovrebbero, minando la tutela di pazienti e professionisti. Per questo alcune aziende del settore hanno deciso, spontaneamente, di promuovere la prima versione del "Manifesto per il supporto psicologico online", linee guida elaborate da un pool di professionisti, sottoscritte dalle principali piattaforme operanti nel settore e discusse con il comitato etico del Consiglio nazionale dell' Ordine degli Psicologi (Cnop).

"Come operatori del settore, crediamo che il digitale rappresenti un’opportunità nuova e consistente per rendere accessibile il supporto psicologico in modo complementare alla modalità tradizionale, ma solo se usato con coscienza e consapevolezza: in caso contrario, può essere dannoso", commentano Daniele Francescon di Serenis.it, Alessandro De Sario di TherapyChat, Biancamaria Cavallini di Mindwork, Riccardo Manini di Minders Community, alcune delle piattaforme promotrici dell’iniziativa. "L’online è un terreno su cui è facile scivolare, e per questo abbiamo deciso di dotarci di un Manifesto: in un settore come il nostro, sentiamo la responsabilità di poter influenzare direttamente la vita e la salute delle persone, e vogliamo dare un segnale che tracci un punto di partenza. Più realtà aderiranno, più crediamo che il settore possa continuare a crescere in modo sostenibile e maggiore sarà l’impatto positivo che potremo avere".

Il Manifesto, presentato come un documento 'vivo' che sarà aggiornato su base annuale da una commissione di 4 rappresentanti delle aziende firmatarie in base ai cambiamenti di un settore in evoluzione, tocca per il momento sei punti chiave: in primis, un uso responsabile della comunicazione, con un accento sulla trasparenza (ad esempio rispetto all’uso dei termini tra 'psicologo' e 'psicoterapeuta'); poi il rispetto della libertà dei professionisti; infine, l’importanza di fare rete anche con gli operatori offline, in particolare per la gestione di emergenze e casi specifici per cui la terapia online può avere dei limiti.