Boom sbarchi in Borsa: 2021 brucia record Ipo 2000 della “dotcom”

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 28 apr. (askanews) - Il 2021 si profila come anno record sugli sbarchi in Borsa: con ben 875 initital public offering da almeno 1 milione di dollari i primi mesi di quest'anno hanno già bruciato il record precedente, che risalita agli ultimi mesi del 2000, quando in piena bolla dotcom vennero effettuate 592 quotazioni. Lo riporta il Financial Times citando i dati di Dealogic, secondo cui ad oggi la raccolta tramite Ipo ha finora fruttato 230 miliardi di dollari, a fronte del precedente picco da 80 miliardi di dollari sempre nel 2000.

Forse non proprio rassicurante il fatto che a alimentare questa impennata non sono stati tanto e solo tradizionali sbarchi in borsa di società, in cerca di nuovi canali di finanziamenti e espansione, ma l'esplosione del fenomeno delle "Spacs" (Special purpose acquisition vehicles). Ovvero società veicolo, senza attività di fondo e create unicamente per pilotare acquisizioni o fusioni di altre società.

Queste Spacs sono diventate una specie di moda negli ultimi mesi e secondo il Financial Times questa esplosione di quotazioni in Borsa nel 2021 in un caso su due ha riguardato proprio questi veicoli.