Borghi: Pd presenta mozione di sfiducia a Salvini alla Camera

Luc

Roma, 25 lug. (askanews) - "Il gruppo del Partito Democratico ha presentato una formale mozione per la richiesta di sfiducia individuale del Ministro dell'Interno, Matteo Salvini, alla luce degli accadimenti di ieri nell'Aula del Senato". Lo ha detto in aula alla Camera questa mattina Enrico Borghi, vicepresidente del gruppo, nel corso dell'esame degli ordini del giorno al decreto sicurezza bis.

Borghi ha quindi chiesto "a nome del gruppo del Partito Democratico, di informare il Presidente Fico che, per quanto ci riguarda, questa mozione ha una priorità di discussione assoluta rispetto agli altri argomenti in calendario. Pertanto, la nostra richiesta è di convocare immediatamente la Conferenza dei presidenti di gruppo, magari sfruttando la pausa dei lavori di Aula che è prevista per le 11, al fine di modificare l'ordine del giorno dei lavori dell'Aula e stabilire la priorità di questa mozione".

Borghi ha anche richiesto "una censura nei confronti del Ministro Salvini, il quale ieri pubblicamente, nell'ormai unica modalità che gli è data di esprimere le proprie opinioni, quindi attraverso Facebook perché dal suo punto di vista il Parlamento non è più oggetto di interlocuzione, ha avuto modo di definire questa iniziativa parlamentare 'aria fritta'".

La vicepresidente di turno dell'assemblea Mara Carfagna ha preso atto della richiesta del Pd: "Per quello che riguarda la mozione di sfiducia, non risulta ancora pervenuta. Come lei sa, l'articolo 115 del Regolamento prevede che possa essere discussa non prima di tre giorni dalla presentazione".

Per quello che riguarda, invece, le parole di Salvini, Carfagna ha osservato: "E' chiaro che il rispetto delle procedure parlamentari e il rispetto delle istituzioni dovrebbe essere la precondizione per qualunque confronto politico".