Boris Johnson e il voto di sfiducia

Boris Johnson
Boris Johnson

Stasera il gruppo parlamentare conservatore dovrà votare sulla fiducia al premier. Se la maggioranza più 1 dei deputati voterà contro, Boris Johnson sarà costretto a dimettersi.

Boris Johnson e il voto di sfiducia: cosa potrebbe succedere?

Come riportato dal corrispondente di Londra del Corriere ha svelato che Boris Johsnon potrebbe essere ad un passo dall’essere cacciato. Stasera il gruppo parlamentare conservatore voterà sulla fiducia del premier. Se la maggioranza più 1 dei deputati voterà contro, Johnson sarà costretto alle dimissioni. La svolta è arrivata dopo che è stato raggiunto il quorum necessario, ovvero il 15% del gruppo parlamentare, di lettere di deputati a favore di un voto di fiducia. Il voto potrebbe già essere stato raggiunto, ma hanno voluto aspettare la fine dei festeggiamenti del Giubileo della Regina. Johnson è fiducioso, ma il voto è segreto per cui tutto è possibile e il malcontento dei conservatori è cresciuto.

Lo scandalo

Boris Johnson sta pagando lo scandalo del Partygate, le feste a Downing Street in violazione delle norme anti-Covid sul lockdown. Il premier sperava di aver lasciato la questione alle spalle, ma l’opinione pubblica la pensa diversamente e lui ha perso credibilità. Lo scorso venerdì alla cattedrale di St. Paul, alla messa per la Regina, è stato accolto dai fischi. Secondo i conservatori, Johnson è un leader di convenienza. Un personaggio carismatico, capace di vincere le elezioni, ma niente di più. I passi falsi potrebbero costargli caro.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli