Boris Johnson lascia Downing Street: sosterrò il nuovo governo

featured 1645564
featured 1645564

Roma, 6 set. (askanews) – Il premier britannico uscente Boris Johnson ha pronunciato il suo discorso di addio davanti al numero 10 di Downing Street ringraziando tutto lo staff, compreso Dylan, il suo cane e rivendicando i suoi successi tra cui l’aver portato a compimento la Brexit, aver ridotto la disoccupazione, e aver fatto ripartire il Paese dopo la pandemia grazie alla veloce campagna vaccinale anti-Covid.

Prima di partire per il castello scozzese della regina a Balmoral, dove avverrà la cerimonia del passaggio del testimone con Liz Truss, sua ex ministra degli Esteri, davanti a Elisabetta II, Johnson ha espresso scontento per essere stato costretto alle dimissioni ma ha assicurato che non offrirà al nuovo governo nient’altro che “il più fervente sostegno”.

“La disoccupazione, mentre lascio l’incarico, è scesa a livelli minimi che non si vedevano da quando avevo 10 anni e rimbalzavo su una navicella spaziale, amici miei, e a proposito di rimbalzare nelle carriere future lasciatemi dire che ora sono come uno di quei razzi di lancio che ha svolto la sua missione e ora rientrerò dolcemente nell’atmosfera e schizzerò giù invisibilmente in qualche angolo oscuro e remoto del Pacifico”.