Boris Johnson resta a Downing Street: superato lo scoglio della fiducia

Boris Johnson rimane in sella.
Il premier britannico ha superato lo scoglio del voto di fiducia.

Graham Brady, presidente della 1922 Committee che gestisce i deputati conservatori, ha illustrato i numeri:  sono stati espressi 359 voti. Non ci sono state schede nulle.

In 211 hanno votato la fiducia a Johnson. 148 i voti per mandare a casa il premier.

Ciò significa che più del 40% dei parlamentari conservatori ha votato contro Johnson, che resta a Downing Street seppure indebolito dalla divisione nel suo partito.

Il leader laburista Keir Starmer dice che il risultato di oggi mostra un Paese che deve affrontare una scelta tra "Tories divisi" e un "partito laburista unito".

Per vincere, Johnson aveva bisogno del consenso del 50% dei deputati più uno, quindi almeno 180 voti favorevoli. Ne ha ottenuti 211.

Il risultato non può però dirsi positivo per Johnson: il leader Tory ha perso più sostenitori rispetto a quello che, nel 2018, avevano votato la sfiducia per Theresa May.
A otto mesi da quel risultato, May era stata costretta alle dimissioni.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli