##Borrell: dare senso iniziativa e azione a politica estera Ue-3

Loc

Bruxelles, 7 ott. (askanews) - Borrell, che ha parlato in quattro lingue (inglese, francese e italiano oltre allo spagnolo), ha prospettato un'innovazione importante nella politica estera comune, propugnando una partecipazione molto più attiva e diretta dei ministri degli Esteri degli Stati membri, a seconda della conoscenza più profonda che alcuni paesi possono avere di certe questioni o di certe regioni. Un ministro, in sostanza, potrebbe essere incaricato di seguire un dossier che il suo paese conosce e comprende meglio, come "capofila", a nome e per contro di tutta l'Ue.

"Questa innovazione può dare agli Stati membri più senso di appartenenza alla politica estera comune", ha spiegato Borrell. E ha aggiunto: "dobbiamo produrre più documenti strategici, con chiare scelte politiche e l'analisi delle loro conseguenze, nutrire una cultura di pensiero geopolitico, costruire una comune strategia attraverso l'Europa e fra l'Europa e le capitali". (Segue)