Borrell: "Evacuazione da Kabul, l'Ue si è trovata a dipendere dagli Usa"

·1 minuto per la lettura
(Photo: WAKIL KOHSAR via Getty Images)
(Photo: WAKIL KOHSAR via Getty Images)

Il ritorno dei talebani in Afghanistan ”è anche un duro colpo per l’Occidente”. “Europa e Stati Uniti erano uniti come mai prima d’ora in Afghanistan: è stata la prima volta che è stato invocato l’articolo 5 della Nato, che impegna tutti i membri a difendersi insieme. E per molti anni gli europei hanno fornito un forte impegno militare e un importante programma di aiuti economici, per un totale di 17,2 miliardi di euro, pari a 20,3 miliardi di dollari. Ma alla fine, i tempi e la natura del ritiro sono stati fissati a Washington”. Lo scrive in un intervento sul New York Times l’Alto rappresentante dell’Ue per la Politica estera, Josep Borrell. “Noi europei ci siamo trovati non solo per le evacuazioni dall’aeroporto di Kabul, ma anche più in generale a dipendere dalle decisioni americane. Questo dovrebbe servire da campanello d’allarme per chiunque abbia a cuore l’Alleanza atlantica”, continua il capo della diplomazia dell’Unione.

“Gli Stati Uniti comprensibilmente non vogliono fare tutto da soli. Per diventare un alleato più capace, l’Europa deve investire di più nelle sue capacità di sicurezza e sviluppare la capacità di pensare e agire in termini strategici. Gli eventi in Afghanistan sono stati strazianti. Ma dovrebbero portarci ad approfondire, non a dividere, l’alleanza con l’America. E per rafforzare la nostra cooperazione, l’Europa deve farsi avanti”, insiste Borrell.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Leggi anche...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli