Borrell (UE): "Intesa Kosovo-Serbia sulle norme doganali"

La Serbia e il Kosovo hanno raggiunto un "accordo sulla libertà di circolazione" tra i due paesi, dopo mesi di tensione causata dalle nuove regole amministrative e di confine imposte dal governo di Pristina e che hanno sollevato le proteste degli oltre 120.000 serbi del Kosovo.

Lo ha annunciato il Commissario europeo per la politica estera Josep Borrell.

"La Serbia ha accettato di abolire il documento di ingresso e uscita per i titolari di documenti d'identità del Kosovo. E il Kosovo ha accettato di non introdurli per i titolari di documenti serbi. I serbi del Kosovo, così come tutti gli altri cittadini, potranno viaggiare liberamente tra il Kosovo e la Serbia utilizzando le loro carte d'identità. L'Unione Europea ha ricevuto garanzie in tal senso dal primo ministro Kurti".

Belgrado non ha mai riconosciuto l'indipendenza proclamata nel 2008 dalla sua ex provincia a maggioranza albanese, un risultato fortemente voluto dagli Stati Uniti del presidente Clinton e dalla Nato, un decennio dopo la sanguinosa guerra che ha causato 13.000 morti.