Borsa, illimity diventa “Nomad” e punta a sostenere crescita Pmi

·2 minuto per la lettura
featured 1248009
featured 1248009

Roma, 18 mar. (askanews) – Da Borsa Italiana arriva la qualifica di “Nomad” per illimity Bank, che offrirà nuovi servizi alle Pmi per favorire il loro processo di crescita. Con il ruolo di “Nominated adviser”, la banca viene riconosciuta come punto di riferimento per le imprese che vogliono rafforzarsi attraverso la quotazione sul mercato Aim Italia. Come spiega il direttore finanziario Francesco Mele.

“illimity è nativamente legata ai mercati finanziari. Il riconoscimento del ruolo di Nomad, vista la relazione con le piccole e medie imprese che sono un target di clientela fondamentale per illimity, rappresenta un inizio: un’attività di consulenza per portare le aziende sul mercato sia del capitale sia del debito” .

Il gruppo guidato da Corrado Passera è nato tre anni fa con l’obiettivo di valorizzare il potenziale delle aziende italiane.

“Per le piccole e medie imprese illimity opera fin dalla sua nascita, tramite la divisione Sme, erogando credito in tutte le sue sfaccettature: factoring di filiera, credito ordinario o strutturato per esempio per l’acquisizione e la crescita, perchè la crescita è un tema ricorrente nella storia di illimity. Così come interviene in situazioni di ristrutturazione”.

Un sostegno mirato per avviare azioni di rilancio aziendale.

“L’intervento ha sempre l’obiettivo di riportare in bonis l’azienda, quindi anche qui supporto e rilancio nei confronti del mondo delle imprese. È un’attività meramente creditizia e quello che vogliamo affiancare con l’attività di Capital markets, per la quale il ruolo di Nomad è molto rilevante soprattutto per la parte azionaria, è accompagnare alla quotazione e alla raccolta di nuovi capitali le piccole e medie imprese italiane”.

Nonostante l’impatto del coronavirus, sono oltre 2.200 le aziende che hanno le caratteristiche per andare in Borsa. E con le quotazioni a Piazza Affari, si potrebbe raccogliere nuovo capitale per più di 30 miliardi di euro. Dalla moda al biomedicale, dalle costruzioni all’agroalimentare, l’Italia è ricca di distretti industriali che esprimono eccellenze.

“Il mondo imprenditoriale italiano è fatto di piccole e medie imprese, quindi c’è un’attività enorme che ci aspetta. L’attuale situazione economica porterà a una debolezza in tanti comparti del nostro settore imprenditoriale e sicuramente la possibilità di supportare e rilanciare le aziende è il core business per illimity. Pensiamo di poter giocare un ruolo importante in una fase molto delicata del nostro paese”.