Borsa Milano in calo con Europa, bene Saipem, giù Pirelli

·1 minuto per la lettura
Ingresso principale dela Borsa di Milano
Ingresso principale dela Borsa di Milano

MILANO, 27 ottobre (Reuters) - Dopo una partenza positiva, Piazza Affari vira subito al ribasso in un mercato che non trova la forza di reagire ai timori legati all'aggravarsi della crisi da Covid, in Europa e anche negli Usa.

Le attenzioni restano puntate sulla necessità di un ulteriore inasprimento delle misure e con effetti più forti sull'economia globale.

Gli investitori cercano spunti dalle trimestrali in corso per scorgere segnali sull'entità dell'impatto della pandemia e sulle capacità delle aziende di reagire agli effetti negativi.

Tentano il recupero i settori banche e oil. Tra i primi BANCO BPM segna un lieve rialzo dello 0,12%, mentre vanno meglio le più piccole CREVAL (+3,9%) e POP SONDRIO (+3,6%).

Tra i petroliferi SAIPEM avanza dell'1,8% mentre ENI guadagna lo 0,13%.

ATLANTIA attende con un calo dell'1% circa l'offerta che Cdp, in consorzio con Blackstone e Macquarie, presenterà per la quota dell'88% detenuta dal gruppo in Autostrade per l'Italia.

Ribasso per gli industriali che risentono delle fosche prospettiva sul ciclo economico globale. PIRELLI perde il 3,5%, LEONARDO l'1,5%.

In un settore automotive debole in tutta Europa, FCA arretra dello 0,5% dopo i guadagni di ieri in scia di quanto riferito a Reuters da alcune fonti secondo le quali dalle autorità antitrust Ue dovrebbe arrivare il via libera alla fusione da 38 miliardi di dollari con la francese Psa, destinata a creare la quarta casa automobilistica del mondo.