Borsa Milano in deciso rialzo, fermento su banche, rally per Bpm, Mediobanca e Autogrill

·3 minuto per la lettura
Ingresso della sede della Borsa di Milano

MILANO, 11 agosto (Reuters) - -

Piazza Affari è ben impostata per archiviare una seduta al galoppo, con gli indici che sono tornati sui massimi dallo scorso 24 luglio. Bene anche gli altri mercati europei sulle attese di una ripresa delle economie globali dopo la crisi innescata dal coronavirus, in vista anche delle nuove misure di stimolo all'economia americana previste in settimana.

Da inizio agosto l'indice Ftse Mib è in crescita intorno al 6%.

"Oggi c'è euforia sui mercati e mancano i flussi in vendita", sintetizza un trader.

Stabile lo spread del rendimento dei titoli di Stato decennali italiani e tedeschi intorno ai 143 punti base.

Banche decisamente toniche, con il denaro che si concentra principalmente su Banco Bpm, in rialzo del 7,3% dopo le dichiarazioni dell'AD che in un'intervista ha ribadito come l'operazione Intesa-Ubi obblighi la banca a valutare aggregazioni anche se al momento non ci sono progetti concreti che coinvolgano l'istituto. "Le dichiarazioni di Castagna alimentano le attese sul risiko bancario", osserva un trader.

In scia balzano anche Intesa Sanpaolo (+2,7%) e soprattutto Unicredit con un rialzo che sfiora il 5% e prosegue il recupero dopo i recenti ribassi legati al prudente outlook operativo e di capitale post risultati. Sul titolo Ubs ha alzato il prezzo obiettivo a 8,8 euro da 8,7 euro precedente. Denaro anche su Mps (+2,6%).

Rally per Mediobanca che sale del 6,5% sulle indiscrezioni riportate da alcuni quotidiani secondo cui Leonardo Del Vecchio punta ad aumentare la quota al 13-14%, una volta che la Bce darà il suo via libera alla richiesta di salire fino al 20% questo mese. "Si tratta di speculazioni perché non c'è ancora il via libera della Bce, ma evidentemente qualcuno si sta già posizionando sul titolo", dice un trader. Corre anche Generali (+4%).

Bene il settore oil con il greggio oltre i 45 dollari al barile: Eni in salita del 3,6%, Saipem del 3% circa.

Ben raccolto anche il lusso e in particolare Ferragamo che cresce del 6,7%. Un trader cita l'ottenimento da parte dell casa di moda italiana del certificato Silver sul rating per la sostenibilità integrale. Comprata anche TOD'S con un balzo del 5,6%.

In denaro i titoli ciclici, con Fca in crescita del 4,4%, Pirelli +4,7%. A tirare la volata i dati sulle vendite di auto in Cina salite del 16,4% a luglio, il quarto mese di rialzo consecutivo rispetto ai minimi toccati durante l'epidemia. A livello europeo il settore auto balza del 4%.

Strappa Autogrill, uno dei titoli più colpiti dalla chiusure delle attività e dal drastico calo del traffico aeroportuale e autostradale, con una crescita superiore all'8%.

Ancora in asta di volatilità le azioni Asr Roma dopo un ultimo prezzo in rialzo dell'11,5% a 0,30 euro, ben sopra al prezzo dell'Opa obbligatoria che lancerà il miliardario texano Friedkin a 0,1165 euro, lo stesso prezzo pattuito per l'acquisto dell'86,6% del club capitolino. "Su questi titoli c'è molta attività da parte dei borsini. Comunque questi prezzi sul mercato evidenziano che nessuno ha interesse di aderire all'offerta", osserva un trader. Da quando è stato annunciato l'accordo tra Friedkin e Pallotta giovedì scorso, il valore del titolo si è dimezzato.

Infine, debutto amaro all'Aim per Fabilia Group (-7,5%), società specializzata nelle vacanze esclusive per famiglie con bambini e ragazzi.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Sabina Suzzi)