Borsa Milano si rafforza con Wall Street, vola UniCredit, scatto Fincantieri

·3 minuto per la lettura
L'ingresso principale della Borsa di Milano

MILANO, 10 maggio (Reuters) - Indici in rialzo a Piazza Affari, sempre con un passo migliore rispetto alle altre borse europee. Il clima sui mercati è comunque globalmente positivo: a Wall Street ennesimo record storico per il Dow Jones in apertura sull'ottimismo che i tassi di interesse resteranno bassi per un lungo periodo, mentre il balzo dei prezzi delle commodity sta facendo salire i settori minerario, energetico e dell'acciaio. Debole, invece, il Nasdaq.

"Il mercato è abbastanza tonico e oggi premia un po' di più i titoli finanziari", osserva un trader.

Balzano i prezzi del petrolio sulla scia dell'attacco informatico a un oleodotto Usa. Il prezzo del greggio si muove poco sotto i 69 dollari al barile.

Sul fronte dell'obbligazionario, lo spread del rendimento fra titoli di stato decennali italiani e tedeschi stringe intorno ai 110 punti base.

Tra i titoli in evidenza:

Banche positive sulla scia dell'ondata di trimestrali ben accolta dal mercato: bene Intesa Sanpaolo (+1,2%), ma è soprattutto su Unicredit che si concentrano gli acquisti (+5,9%). Sul titolo della banca di Piazza Gae Aulenti influiscono anche i rialzi dei target price da parte di Ubs -- a 12,4 euro da 11,7 -- e Morgan Stanley -- a 11,8 euro da 11 euro. Molto bene anche BANCO BPM in crescita del 3,2%. Deutsche Bank ha portato il prezzo obiettivo a 2,7 euro da 2,5 euro. Post risultati del primo trimestre, si muove molto forte BPER con un rialzo che supera il 3,3%. "Il trimestre è stato impattato da numerosi one-off, ma è migliore delle attese a livello operativo", scrive Equita nel daily. E si rafforza Pop Sondrio(+3,7%) dopo i risultati del primo trimestre.

Corre Astm (+8,5%) a 27,92 euro a ridosso del nuovo prezzo dell'Opa di Nuova Argo Finanziaria a 28 euro (25,6 euro il precedente) annunciato venerdì scorso con estensione del periodo di adesione al 24 maggio rispetto alla scadenza odierna. "Includendo le azioni dell'offerente, le azioni conferite e gli impegni raccolti, stimiamo che l'offerta abbia raggiunto il 78% circa del capitale sociale", scrive Equita. Secondo Bestinver, "grazie a questo rilancio Gavio/Ardian dovrebbe riuscire a superare la soglia del 90% del capitale. Il basso numero delle azioni apportate in Opa a venerdì scorso minacciava il successo dell'operazione, pertanto un rilancio era più che probabile".

Molto male Juventus che arretra di quasi il 5% su nuovi minimi da marzo 2020. A fare crollare il titolo la sconfitta ieri per 3-0 in casa contro il Milan, che mette a rischio la qualificazione alla Champions League. Inoltre, il club potrebbe anche essere escluso dal campionato di calcio di Serie A se rimane nella Superlega, come ha detto il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina. "Da quando non è più nel paniere del Ftse Mib, il titolo non è a benchmark per i fondi. Si tratta per lo più di vendite da trader online", osserva un broker. Giù anche Lazio (-1,9%) e As Roma(-3,5%), quest'ultima protagonista di uno spettacolare balzo in avanti la scorsa settimana dopo l'annuncio dell'arrivo di Mourinho come CT dalla prossima stagione.

Il balzo del greggio avvantaggia il settore oil: Saipem e Tenaris sono in rialzo rispettivamente dell'1% e del 2,7%. ENI guadagna l'1%.

Scatto per FINCANTIERI (+6%), da un po' di tempo trascurato dal mercato, con gli investitori che si posizionano sul titolo in vista della trimestrale il 13 maggio.

Il 'buy' di Equita con prezzo obiettivo a 2,6 euro mette le ali a Cairo Communication (+4,4%). Il broker ha migliorato le stime di Ebitda 2021-22 del 10% e l'indebitamento netto di 40 milioni grazie ai risultati del 2020.

Infine forti realizzi su Unieuro (-6,4%) con gli investitori che portano a casa un po' di guadagni dopo la corsa del titolo che da inizio anno registra un balzo del 72% circa, legato al tema delle riaperture post pandemia. Mediobanca Securities ha ridotto la raccomandazione sul titolo a "neutral" con un prezzo obiettivo di 24,2 euro.

(Giancarlo Navach, in redazione a Milano Sabina Suzzi)