Borsa Usa in calo con focus su risultati big tech

·2 minuto per la lettura
L'ingresso della Borsa di New York

(Reuters) - I principali indici di Wall Street registrano perdite, con gli investitori che ripongono le speranze sui risultati di Netflix e altre aziende tech previsti in settimana per dare un avvio positivo alla stagione delle trimestrali.

La piattaforma di streaming NETFLIX, che ha registrato un forte balzo durante il lockdown dello scorso anno, sarà la prima del gruppo delle "Faang" (Facebook, Amazon, Apple, Netflix e Google) a riportare i risultati trimestrali. Il titolo è in calo dell'1,1% dopo un rialzo in apertura in attesa dei risultati, che verranno pubblicati in seguito alla chiusura dei mercati.

Il più ampio indice Nyse Fang+Tm cede l'1%.

International Business Machines è in rialzo del 3,5% dopo aver registrato l'aumento più marcato delle vendite trimestrali in oltre due anni per aver scommesso sulla tecnologia cloud.

L'azienda produttrice di semiconduttori INTEL pubblicherà i risultati giovedì.

Torna a crescere la domanda per i titoli tech con alte valutazioni grazie a un calo dei rendimenti delle obbligazioni a lunga scadenza dai massimi di 14 anni, che ha ridotto i timori di costi di finanziamento più alti.

Gran parte degli 11 settori principali dell'S&P 500 è in calo. L'indice healthcare ha segnato i massimi record, mentre sono in rialzo il comparto tech, delle utility e quello immobiliare.

Alle 16,45 il Dow Jones Industrial Average scivola di 250,14 punti, o lo 0,33%, a 33.836,15 punti, l'S&P 500 cede 27,37 punti, o lo 0,66%, a 4.135,95, mentre il Nasdaq Composite è in calo di 123,68 punti, o lo 0,88%, a 13.788,30 in seguito ai guadagni iniziali.

Kansas City Southern balza di oltre il 16% dopo che Canadian National ha lanciato un'Opa per l'acquisto dell'operatore ferroviario Usa per circa 30 miliardi di dollari, battendo l'offerta della rivale Canadian Pacific.

Il balzo del titolo garantisce un +1,8% all'indice dei trasporti del Dow Jones.

Altria Group azienda produttrice di tabacco, è in calo del 6,5% nonostante il Wall Street Journal abbia riportato la notizia che l'amministrazione Biden sta valutando una legge che limiterebbe l'utilizzo della nicotina e vieti quello del mentolo nelle sigarette.

Johnson & Johnson è in calo del 2,5% dopo che la casa farmaceutica ha superato le attese per gli utili del trimestre e ha aumentato il dividendo.

Nike crolla di quasi il 4% dopo che Citigroup ha declassato il titolo a "neutral" da "buy".