Borsa Usa in rialzo, balzo greggio contrasta sussidi disoccupazione record

Un uomo indossa una maschera protettiva mentre cammina a Wall Street

(Reuters) - Wall Street rimbalza grazie all'aumento dei prezzi del petrolio, che relega in secondo piano lo shock di un numero di richieste di sussidi di disoccupazione settimanali superiore ai 6 milioni.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha avvertito di ulteriori ripercussioni economiche con un numero crescente di stati che sta imponendo severe misure di confinamento per limitare la pandemia di coronavirus.

"Il mercato del lavoro negli Stati Uniti non ha mai visto un tale sconvolgimento", ha dichiarato Mike Loewengart, managing director of investment strategy a E*TRADE Financial.

"Molti probabilmente diranno che gli Stati Uniti stanno affrontando una recessione proprio ora, ma la vera domanda è per quanto tempo e fino a che punto".

Il Dow Jones e l'S&P 500, pochi giorni dopo aver concluso il loro peggiore primo trimestre della storia, rimbalzano grazie all'impennata dei prezzi del petrolio dovuta ai segnali dell'Arabia Saudita e della Russia che sembrano pronte a cooperare per aiutare a stabilizzare il mercato.

L'indice energetico, che ha perso metà del suo valore quest'anno in parte a causa della guerra dei prezzi, balza del 13%, con EXXON MOBIL e CHEVRON che registrano le migliori performance sul Dow.

Intorno alle 17,20, il Dow Jones Industrial Average è in rialzo dell'1,4%, l'S&P 500 avanza dell'1,6% e il Nasdaq Composite guadagna l'1,2%.

WALGREENS BOOTS ALLIANCE perde il 5% dopo che la catena di supermercati ha registrato un forte calo delle vendite a parità di numero di negozi negli Stati Uniti nell'ultima settimana di marzo.