Borsa Usa, Wall Street in calo dopo buon inizio mese

·2 minuto per la lettura
Il cartello stradale di Wall Street fuori dalla Borsa di New York

(Reuters) - Wall Street scivola dopo il forte rialzo della prima seduta di marzo, con gli investitori che tengono sotto stretta osservazione l'obbligazionario e i progressi del prossimo round di stimoli fiscali.

L'S&P 500 ha messo a segno ieri la migliore sessione da giugno, con i mercati che hanno festeggiato l'approvazione del terzo vaccino contro il Covid 19 negli Stati Uniti e il via libera della Camera Usa al piano di aiuti da 1.900 miliardi.

Il Senato comincerà la discussione sul pacchetto di aiuti voluto dal Presidente Biden questa settimana, con i democratici che mirano a far passare la legge tramite una procedura nota come "riconciliazione", che permetterebbe al piano di essere approvato con la maggioranza semplice.

Alle 16,35 il Nasdaq perde lo 0,40% a 13.535,54, l'S&P 500 cede lo 0,08% a 3.898,49 e il Dow Jones arretra dello 0,30% a 31.440,17.

Il mercato obbligazionario si è stabilizzato dopo il sell-off della settimana scorsa che ha fatto schizzare il rendimento del Treasury decennale ai massimi da un anno. I rendimenti restano comunque elevati, alimentando i timori di alte valutazioni del mercato azionario e presentandosi come alternativa competitiva alle azioni.

In settimana gli investitori si concentreranno sul sondaggio Ism sul settore dei servizi e sui dati mensili sull'occupazione negli Usa per valutare lo stato di salute dell'economia.

Zoom Video Communications guadagna il 3,2% dopo che la società ha reso noto di aspettarsi per questo trimestre ricavi al di sopra delle aspettative, attendendosi che milioni di persone continuino ad usare la piattaforma per video-conferenze.

Target sale del 3% dopo un balzo del 21% nei ricavi trimestrali, molto più delle aspettative degli analisti, grazie alla forte domanda per articoli casalinghi, giochi e alimentari durante la pandemia.

Nielsen guadagna quasi il 5% dopo la vendita delle attività di video advertising avanzato, che include il riconoscimento automatico dei contenuti e tecnologie dinamiche per l'inserimento degli spot, al provider di servizi streaming Roku. Le azioni Roku cedono circa lo 0,8%.

(Tradotto da Redazione Danzica, in Redazione a Milano Sabina Suzzi)