Borsellino: agente sopravvissuto, 'depistaggi continuano, c'è chi tira i fili e non vuole verità' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Sulla piece di ieri sera, con attori come David Coco e la presenza dello stesso Presidente dell'Antimafia Claudio Fava, Antonio Vullo, che era seduto accanto a Fiammetta Borsellino, dice: "L'effetto è sempre quello che ti riporta a quel giorno, è stato fatto in modo drammaturgico ma ha evidenziato tanti passaggi, come il depistaggio, la mente è tornata al 19 luglio".

"Non è facile, per me, ritornare in via d'Amelio, io di solito vengo quando non c'è nessuno – dice – perché trovo un momento di pace, mi sento molto vicino a loro, al giudici e ai miei colleghi, quando non c'è nessuno, perché riesco a riconciliare la mia vita con chi è rimasto qui, quel giorno, per sempre. Quando ci sono tante persone, mi torna in mente il fatto di essere sopravvissuto, una emozione così forte che mi fa stare malissimo. Trovandomi accanto ai familiari delle vittime è qualcosa che scatena tanto di quel dolore che penso che al posto mio poteva esserci Claudio, Vincenzo, Emanuela. Ed è una conseguenza che mi fa stare malissimo, mentre quando sono da solo riesco a trovare la pace". (di Elvira Terranova)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli