Boschi, l’addio al Pd: “Dispiace, ma prevale il senso di libertà”

maria elena boschi

Maria Elena Boschi ha detto addio al Pd per approdare nella nuova formazione di Matteo Renzi, Italia Viva. La capogruppo del partito alla Camera ha raccontato il dispiacere di aver lasciato i dem e la libertà trovata con la nuova fazione politica. “Un po’ dispiace – ha confessato -, ma prevale un po’ più il senso di libertà, non di liberazione. Direi proprio libertà di poter dire ciò che si pensa”. L’ex ministro e sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha partecipato alla trasmissione L’aria che Tira in onda su La7: vediamo le sue dichiarazioni.

Boschi, l’addio al Pd

“Sicuramente quando si lascia una comunità di cui si è fatto parte, e io mi sono impegnata tanto e ho cercato di fare del mio meglio dentro al Pd, un po’ dispiace“. Sono queste le prime parole di Maria Elena Boschi riguardo l’addio al Pd. L’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio non nasconde il dispiacere, al quale però “prevale un po’ più il senso di libertà, non di liberazione” ha aggiunto. “Direi proprio di libertà nel poter dire quello che si pensa ed essere fuori dalle logiche delle correnti che, purtroppo, stanno rovinando un po’ il Partito Democratico”.

Questa leggerezza che la Boschi descrive all’interno di Italia Viva riguarda vari aspetti, come ha specificato su La7. “Soprattutto liberi di fare delle proposte, parlando ai cittadini, cercando anche di risolvere dei problemi concreti, senza che tutte le volte una proposta sembri un modo per attaccare il segretario del partito o qualcuno dentro al Pd”. L’obiettivo (tra gli altri) di Italia Viva, infatti, è quello di “cercare di parlare un po’ più fuori dal palazzo”. Dentro il Pd, aggiunge infine, “la cosa un po’ brutta era ridursi ad avere, tra virgolette, paura del compagno di banco, aver paura che tutto potesse essere frainteso”.

L’approdo a Italia Viva

La Boschi spiega che in Italia Viva “siamo tutti un po’ più in sintonia, c’è anche un po’ più di allegria, diciamoci la verità”. Tuttavia, ribadisce l’ex ministro, anche all’interno del Pd “alcuni sono sempre stati molto vicini, soprattutto tra le persone. Io ho sentito magari più l’affetto del popolo, della gente del Pd che non dei dirigenti del partito, in certi momenti. Devo dire che ci sono state fasi molto diverse. Non tutti hanno avuto un senso di comunità”. Cosa che non dovrebbe mai accadere secondo la Boschi.