Bosnia, circa 100 migranti accampati al confine con Croazia

Sim

Sarajevo, 23 ott. (askanews) - Circa 100 migranti, tra cui famiglie con bambini, si sono accampati al confine tra Bosnia e Croazia, chiedendo l'apertura di un passaggio per il Paese membro dell'Unione europea. Lo ha detto oggi la polizia.

"Queste persone hanno passato la notte fuori, sono sorvegliate dalla polizia, vicino al posto di frontiera di Izacic", nei pressi della città di Bihac, nel Nord-Ovest del paese, ha detto alla France presse un portavoce della polizia, Snezana Galic. Tra i migranti ci sono famiglie ospitate in un albergo trasformato in un centro di accoglienza, situato a circa 20 chilometri dal confine.

Lasciato ieri mattina il centro di accoglienza, i migranti sono arrivati a piedi in serata a Izacic, dove la polizia ha impedito loro di avvicinarsi al valico di frontiera. I migranti sono quindi rimasti in strada, con la temperatura scesa nella notte a 5 gradi nella regione di Bihac. Gli abitanti della zona hanno portato loro cibo e bevande calde, secondo quanto riportato dai media locali. La polizia sta ora cercando di convincere i migranti a rientrare nel centro di accoglienza, scontrandosi però con il loro rifiuto. "Verrà organizzato il trasporto all'albergo, ma a condizione che accettino di tornare", ha aggiunto il portavoce.

Dall'inizio dell'anno, migliaia di migranti sono arrivati in Bosnia e sono ora perlopiù concentrati nelle città di Bihac e Velika Kladusha, nel Nord-Ovest del Paese, da dove cercano di raggiungere la Croazia. Da settimane le ong hanno lanciato l'allarme in vista dell'arrivo dell'inverno, a fronte di centinaia di migranti presenti nella regione che vivono all'aperto. (fonte Afp)