Bosnia Erzegovina, Bisera Turkovic parla del futuro dei Balcani

Bisera Turkovic
Bisera Turkovic

La guerra in Ucraina prosegue ormai da diversi mesi e per l’Europa non è certo questo un momento facile. Bisera Turkovic, Il ministro degli Esteri della Bosnia Erzegovina, racconta in un’intervista con ‘Il Corriere della Sera’ che cosa sta accadendo ora nei Balcani, con alcuni Paesi starebbero strizzando l’occhio a Mosca.

L’intervista a Bisera Turkovic: la difficile situazione nei Balcani

L’Europa è in difficoltà, ma non solo per quello che sta accadendo in Ucraina. Bisera Turkovic ha spiegato che anche nella zona dei Balcani stanno accadendo cose spiacevoli:In Bosnia Erzegovina la secessione è già iniziata, l’Unione Europea ha un metodo semplice e poco costoso per far sì che i Balcani non finiscano sotto l’influenza russa: accettare ufficialmente la nostra candidatura all’Unione Europea. Non c’è più tempo.”

Bisera Turkovic lancia l’allarme: le vere intenzioni di Mosca

La diplomatica ha approfittato dell’intervista per lanciare anche un messaggio: “Siamo molto preoccupati, Mosca vuole tornare ad essere grande come un tempo, sicuramente non si fermerà e andrà avanti, non solo in Moldova e Transnistria ma anche nella nostra regione.” Anche la Serbia avrà un ruolo fondamentale, da qui ai prossimi anni: La Serbia deve decidere con chi stare se con la Ue o con Mosca. Vogliono diventare parte dell’Unione Europea ma allo stesso mantengono legami forti con la Russia. Quindi non sappiamo esattamente come si comporteranno in futuro ma penso che sia giunto il momento di decidere in che direzione vogliamo che i Balcani occidentali vadano. E questo dipende tanto dai Paesi balcanici quanto dall’Unione Europea. Geograficamente apparteniamo all’Europa ma se Bruxelles non fa dei passi in questo senso quello spazio potrebbe essere riempito da qualcun altro.”

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli