Bosnia, ex ministro accusato di "corruzione criminale"

Fth

Roma, 30 dic. (askanews) - Un ex ministro bosniaco e altri tre suoi collaboratori sono stati accusati di abuso di potere e corruzione per aver approfittato illegalmente di un progetto finanziato dall'Ue. Lo ha annunciato oggi la procura di Sarajevo come riferisce l'agenzia France Presse.

Dragan Mektic, ex ministro della Sicurezza, il suo capo gabinetto, un assistente e un uomo d'affari di Sarajevo sono accusati di "corruzione criminale di alto livello" che ha "danneggiato la reputazione internazionale della Bosnia", secondo un comunicato stampa dell'accusa. I fatti contestati sono collegati all'attuazione di un progetto finanziato dall'Unione Europea di 198.000 euro per facilitare la cooperazione transfrontaliera nella lotta contro gli incendi.(Segue)