Botte e rapine all’Arco a Milano: 4 arresti e 9 minori indagati

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 1 apr. (askanews) - Questa mattina a Milano, i poliziotti del commissariato Sempione e quelli della locale squadra mobile, hanno arrestato quattro ventenni (classe 2000 e 2001) e hanno denunciato quattro minorenni, accusati in concorso e a vario titolo, di una rapina, una tentata rapina e due aggressioni ai danni di alcuni giovani, del titolare di un ristorante e di alcuni suoi dipendenti. Lo ha riferito la questura del capoluogo lombardo, spiegando che nei confronti dei maggiorenni, tutti incensurati, è stata eseguita la misura cautelare degli arresti domiciliari su richiesta dell'aggiunto Laura Pedio e del pm Francesca Crupi della Procura di Milano, che hanno coordinato le indagini insieme con i loro colleghi della Procura per il minori.

Sempre secondo quanto riferito, le aggressioni sono state portate a termine tra la sera del 3 ottobre 2020 e le prime ore del giorno successivo ai danni di vittime appena maggiorenni, incontrate casualmente e "scelte" senza alcun apparente motivo. Il gruppo composto da una quindicina tra ragazzi e ragazze ha prima incontrato in Largo Treves tre coetanei, e due di loro gli hanno rapinato il portafogli. Il gruppo ha quindi picchiato il titolare e i dipendenti mentre stavano chiudendo un ristorante di via Niccolini, provocando lesioni a due di loro.

Non paghi, hanno poi tentato di rapinare un monopattino elettrico a tre coetanei incontrati casualmente in piazza Sempione e, infine, a distanza di pochi minuti, "senza alcuna motivazione se non la mera sopraffazione verso le vittime", ha aggredito nei pressi dell'Arco della Pace altri cinque coetanei procurando ad alcuni di loro lesioni gravi. Ad "inchiodare" gli indagati sono state le numerose testimonianza raccolte, le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza pubblica e di alcuni esercizi commerciali della zona e le analisi dei loro social network.