Botti Capodanno, Enpa ai sindaci: arrivare preparati con ordinanze restrittive -2-

Red/Gtu

Roma, 4 dic. (askanews) - Per questo l'Ente nazionale protezione animali invita i sindaci di tutta Italia a predisporre per tempo ordinanze di divieto, ricordando che "occorre fare in fretta e bene: in passato alcuni sindaci sensibili ma tardivi (anche di grandi città) hanno emanato all'ultimo momento ordinanze scritte male, che hanno avuto come conseguenza il ricorso dei produttori di fuochi d'artificio", quindi "agire tempestivamente significa anche avere il tempo di pubblicizzare adeguatamente il divieto presso i cittadini. Contemporaneamente occorre vigilare sui canali di vendita e essere implacabili laddove dovessero essere scoperti produttori e venditori di botti illegali".

"Emanare ordinanze con le quali si vieta l'uso dei botti a Capodanno significa tutelare persone, animali, ambiente", ribadisce l'Enpa, aggiungendo: "Ma non c'è ordinanza che possa rilevarsi davvero efficace in mancanza della consapevolezza e della responsabilità delle persone". Per questo Enpa invita tutti a rinunciare ai botti di Capodanno: "Ci sono molti modi di festeggiare l'inizio del nuovo anno, bisogna scegliere quelli sicuri e rispettosi della vita".