Boxe nel caos, "manipolati i match di pugilato di Rio 2016"

·1 minuto per la lettura
2016 Rio Olympics - Boxing - Preliminary - Men's Bantam (56kg) Round of 16 Bout 178 - Riocentro - Pavilion 6 - Rio de Janeiro, Brazil - 14/08/2016. Vladimir Nikitin (RUS) of Russia competes. REUTERS/Peter Cziborra FOR EDITORIAL USE ONLY. NOT FOR SALE FOR MARKETING OR ADVERTISING CAMPAIGNS.
Vladimir Nikitin (REUTERS/Peter Cziborra)

Pugilato nella bufera dopo l'inchiesta di Richard McLaren sugli incontri di Rio 2016 che sarebbero stati manipolati da giudici e arbitri "complici e compiacenti". L'inchiesta indipendente del professore di diritto, già inquisitore del doping russo, punta il dito contro un sistema di match truccati. I match incriminati, riferisce la Bbc, sono undici e tra questi le finali olimpiche delle due categorie più prestigiose: massimi e supermassimi.

Alcuni funzionari dell'Aiba - la federazione internazionale di boxe attualmente guidata dall'uomo d'affari russo Umar Kremlev - avrebbero avvicinato arbitri e giudici al fine di manipolare gli incontri. 

Kremlev afferma di aver riformato il sistema a partire dal 2016, quando era in carica l'ex presidente C.K. Wu. L'Aiba prende atto "con preoccupazione" - dice Kremlev - e conferma che "sono state attuate ampie riforme per garantire l'integrità" nelle sue competizioni. "Ora dobbiamo esaminare attentamente il rapporto e vedere quali passi sono necessari per garantire giustizia". 

Nessuno dei giudici o arbitri di Rio 2016 è stato chiamato per le Olimpiadi di Tokyo 2020: il torneo di pugilato è stato organizzato non dall'Aiba ma direttamente dal Comitato Olimpico Internazionale.

GUARDA ANCHE: Inter, Perisic esplosivo nel pugilato: un campione anche sul ring

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli