Boxe sotto shock: il pugile olimpionico Verdejo avrebbe ucciso l'amante incinta

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
(Photo credit should read JACK GUEZ/AFP/GettyImages)
(Photo credit should read JACK GUEZ/AFP/GettyImages)

Il pugile olimpionico portoricano Felix Verdejo Sanchez è stato incarcerato ieri senza possibilità di cauzione con l’accusa di aver rapito e ucciso una donna incinta. A riportare la notizia che sconvolge il mondo della boxe è il quotidiano locale El Nuevo Día. L'atleta 27enne, che ha gareggiato alle Olimpiadi di Londra 2012, avrebbe ucciso Keishla Rodriguez Ortiz, giovane con cui il pugile sposato aveva iniziato una relazione e con cui aveva concepito il figlio che la vittima portava in grembo.

La ragazza era scomparsa venerdì e il suo corpo è stato rinvenuto sabato 1 maggio nella laguna di San Jose. Il giorno dopo, Verdejo è stato arrestato con l’accusa di rapimento, furto d'auto e omicidio. A incastrarlo un testimone, che interrogato dalle autorità, ha raccontato la dinamica dei fatti, riportata dalla Cnn. L’uomo, il cui nome non viene menzionato nelle carte, ha raccontato che Verdejo lo avrebbe contattato per chiedergli di aiutarlo a far interrompere la gravidanza a Keishla Rodriguez Ortiz. 

GUARDA ANCHE: Principe Carlo, tra le amanti ci fu anche la sorella di Lady Diana: sconcerto a corte

Come ha spiegato il testimone, lui e Verdejo avrebbero incontrato la ragazza vicino a casa sua. Dopo una conversazione, il pugile l’avrebbe presa a pugni in faccia, le avrebbe iniettato una sostanza con una siringa e sia lui che il testimone le avrebbero legato mani e piedi con del filo metallico.

Il 27enne e il testimone avrebbero quindi guidato l’auto dell’imputato e quella di Rodríguez Ortiz fino al ponte Teodoro Moscoso sulla laguna di San Jose. Lì, il pugile le avrebbe sparato alla donna e ne avrebbe gettato il corpo in acqua.

Come ricorda la Cnn, sebbene alcune delle accuse comportino una pena di morte, non è stato reso noto se i pubblici ministeri federali faranno questa richiesta al giudice.

GUARDA ANCHE:Femminicidi in aumento rispetto al 2019