Bper, con app Dots il "light banking" dedicato ai più giovani

Redazione
·2 minuto per la lettura

MODENA (ITALPRESS) - Bper Banca presenta Dots, una App sviluppata per i sistemi operativi iOS (Apple) e Android, con la quale è possibile gestire una carta con Iban abbinata a un conto di moneta elettronica, inviare e ricevere denaro e fare acquisti online o nei negozi, tramite una carta fisica o utilizzando i servizi di Apple Pay e Google Pay. Con Dots, inoltre, si possono controllare le proprie finanze grazie a una soluzione di personal financial management (PFM) intuitiva e immediata. La novità è proposta principalmente alle generazioni un po' distanti dal concetto di banca "tradizionale", quali i Millennials e la generazione Z, che hanno confidenza con il digitale ed esigenze di banking non specifiche. Una particolare attenzione è stata data alla ecosostenibilità: tutte le carte fisiche Dots sono realizzate in Pla, materiale di origine vegetale fino al 90%, mentre sono in carta riciclata la busta e la lettera con cui il prodotto viene recapitato a domicilio. Dots è stata realizzata in sinergia con Fabrick, partendo da un white-label di servizi arricchito con caratteristiche proprie e distintive. Diego Rossi, responsabile della Direzione Everyday Bank di Bper Banca e direttore generale di Bibanca, sottolinea come "per creare questa soluzione di light banking con logiche e strumenti di open banking, infatti, ben quattro realtà diverse hanno condiviso competenze e ambienti di lavoro: Bper Banca, Bibanca, che è la società prodotto del Gruppo Bper attiva in ambito monetica e credito al consumo, la challenger bank Hype con la sua licenza ed i suoi processi di gestione della moneta elettronica, e Fabrick. Con questo progetto abbiamo introdotto in una banca 'tradizionale' come Bper le opportunità più innovative che l'open banking può offrire nel panorama italiano. Ciò è stato possibile - prosegue Rossi - in virtù dell'apertura di Pietro Sella, Ceo di Sella Group, e di Paolo Zaccardi, Ceo di Fabrick, ai quali va il nostro ringraziamento per aver creduto nella possibilità di far sedere attorno allo stesso tavolo realtà che, al di fuori dello spirito dell'open banking, sarebbero considerate solo come competitor". Francesco Brandani, project e team leader Dots di Bper Banca, commenta: "Il progetto è stato impostato creando un brand 'separato' da quello della banca, adottando un'identità di marca e un approccio che vogliono essere più coerenti al pubblico al quale ci si rivolge. Avere sviluppato la soluzione sulla piattaforma di open banking di Fabrick ha permesso di adottare metodologie di lavoro agili, godendo di una quasi totale indipendenza anche a livello di sistemi informativi".

Per Paolo Zaccardi, Ceo di Fabrick, "Dots è un progetto straordinario che coglie le potenzialità dell'open banking e sposa la filosofia di collaborazione e co-creazione proposta da Fabrick. Il know-how sviluppato negli anni in questo specifico segmento, ci ha permesso di accompagnare Bper in un percorso volto a rispondere ai bisogni di un pubblico più giovane e digitale, verso il quale la banca sta dimostrando grande attenzione".

(ITALPRESS).

ads/com