Bper, plafond di 2 mld per pmi della Lombardia

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Bper ha stanziato un plafond di 2 miliardi di euro per le piccole e medie imprese. L'iniziativa, denominata “Rilancio Lombardia”, è stata illustrata da Stefano Vittorio Kuhn, coordinatore commerciale territoriale per la Lombardia di Bper Banca. Con il plafond, ha spiegato, "intendiamo ampliare le azioni di sostegno alla liquidità già avviate nel 2020, anticipando al contempo le prossime scadenze degli interventi pubblici. Il nuovo strumento prevede soluzioni flessibili di allungamento della durata dei finanziamenti in essere, ma anche ulteriori interventi per consentire alle Pmi un recupero di competitività e il rilancio degli investimenti produttivi”.

L'obiettivo è anche il potenziamento delle attività in corso "a favore di privati e famiglie, individuando anticipatamente, caso per caso, le migliori soluzioni di ripianificazione del debito sottoscritto e sospeso a seguito delle moratorie. Si tratta di operazioni in cui il fattore tempo, tanto per le imprese che per i privati, avrà un’importanza decisiva: ci siamo attrezzati per dare risposte e soluzioni rapide e concrete".

Kuhn ha sottolineato il ruolo di riferimento assunto da Bper Banca in Lombardia, con quote di mercato molto significative in varie province, a seguito dell’acquisizione del ramo di azienda da Intesa San Paolo. “Completata l’operazione con l’ingresso entro giugno delle ultime filiali ex Intesa – ha spiegato – potremo contare su 370 sportelli e 3000 colleghi pronti a operare in una logica di piena continuità con l’attività bancaria precedente. I clienti sono oltre 900mila – 800 mila privati e più di 100mila imprese – per una raccolta complessiva intorno ai 50 miliardi e impieghi per 17 miliardi, di cui oltre 9 destinati al segmento imprese. Questi numeri - ha detto ci assegnano una responsabilità molto importante nei confronti di un sistema produttivo forte e dinamico".