Braccianti sfruttati a Viterbo, arrestato imprenditore agricolo

Nav

Roma, 9 ott. (askanews) - Lavoratori costretti a turni di 12 ore. Senza riposo. Senza giorno di pausa settimanale. Per questo, su disposizione del Procura di Viterbo, oggi è stata eseguita la misura degli arresti domiciliari nei confronti di un imprenditore agricolo accusato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. In base a quanto verificato dai carabinieri l'uomo ha assunto "soggetti in gravi condizioni di bisogno che si sono prestati - è detto in una nota - a lavorare con un compenso di pochi euro al mese" e ai quali venivano imposti orari di lavoro ai limiti.