Brasile incontrerà Vauro: "Gli stringo la mano"

webinfo@adnkronos.com

"Non è stata colpa mia, non mi hanno fatto parlare e quella ha cominciato a ridere... ma se mi invitano posso parlare o no? Non voglio intervenire in queste trasmissioni perché poi vengo strumentalizzato". Massimiliano detto 'er Brasile' si difende ai microfoni della Zanzara dopo lo scontro ravvicinato con Vauro negli studi di 'Dritto e Rovescio'. E a sorpresa, e dopo una scarica di insulti, acconsente a un incontro privato con il vignettista. A convincerlo, la lettera aperta scritta da Vauro e a lui indirizzata con l'invito a sedersi insieme a cena. 

"Ce sto, giuro su mia madre che c'ho la pelle d'oca - dice sorpreso ai conduttori Cruciani e Parenzo -. Lo incontro dove gli pare per stringergli la mano, davvero e senza telecamere".