Brasile, la drammatica situazione causata dal Coronavirus

·2 minuto per la lettura
covid casi di reinfezione in brasile
covid casi di reinfezione in brasile

Il Brasile è sotto lo sguardo attento e impaurito del mondo intero, desta preoccupazione infatti l’impressionante diffusione del contagio da Covid-19 che sta investendo la nazione.

Pare infatti che l’Organizzazione Mondiale della Sanità abbia classificato, in base ai dati, il Brasile, come una, se non la principale nazione più colpita al mondo. Si stima infatti che ad oggi i contagi abbiano superato i 12 milioni, ma quello che più preoccupa è il dato relativo ai morti in seguito a complicanze da coronavirus.

I dati allarmanti hanno spinto il presidente del Senato del Brasile Rodrigo Pacheco a chiedere a gran voce, vista la gravissima emergenza sanitaria, di anticipare l’arrivo in Brasile delle dosi del vaccino previste dal programma Covax, il programma internazionale che dovrebbe avere come obiettivo principale, quello di garantire una distribuzione equa dei vaccini anti Covid-19.

Brasile: Rio de Janeiro e San Paolo le più colpite

A detenere il record brasiliano di decessi, San Paolo e Rio de Janeiro.

A San Paolo infatti, fino a qualche giorno fa i decessi hanno raggiunto quota 1209, numeri, che in proporzione sono di fatto paragonabili a quelli di un’intera nazione piuttosto che di una sola città.

Situazione altrettanto spaventosa a Rio de Janeiro, dove in un solo giorno si è arrivati ad avere circa 387 decessi, praticamente la media di un morto ogni quattro minuti.

Il problema della sepoltura delle salme

Accanto all’emergenza sanitaria, si è così affiancata un’altra emergenza, ossia quella della sepoltura delle salme delle vittime da Covid-19.

A causa dell’elevatissimo numero di decessi, i cimiteri sono carenti di posti e così a San Paolo, si è addirittura resa necessaria la riesumazione anticipata di alcune salme, per seppellire i nuovi morti.

Ma non solo San Paolo, numerosissimi cimiteri del Brasile, stanno attuando misure di riesumazione anticipata delle salme, per garantire una degna sepoltura alle vittime della pandemia.

Ad oggi il Brasile conta più di 320.000 morti per Covid-19, un dato spaventoso che adesso deve far accelerare necessariamente l’arrivo dei vaccini al fine di arginare il drastico aumento della curva dei contagi.

LEGGI ANCHE: