Brasile, nuova ondata di proteste contro Bolsonaro per gestione crisi coronavirus

webinfo@adnkronos.com

 

Un'ondata di proteste contro il presidente Jair Bolsonaro è in programma in diverse località del Brasile contro la sua gestione della crisi dell'epidemia di Covid che ha sminuito fin che ha potuto con il risultato che ora il Paese è il secondo più colpito dopo gli Stati Uniti. Il governo è stato costretto a tornare a pubblicare i dati sull'epidemia da una sentenza della Corte suprema dopo averli oscurati per alcuni giorni.  

Manifestazioni, come quella della scorsa settimana a San Paolo, una mobilitazione permanente, un manifesto "Estamos Juntos" (siamo insieme) già firmato da 300mila persone, sono state indette da organizzazioni come il movimento "Somos Democracia".  

"Il nostro obiettivo è quello di dimostrare fisicamente che la maggioranza della popolazione è contro il governo" come ha dimostrato il recente sondaggio dell'Istituto Datafolha secondo cui solo il 33 per cento degli intervistati sostiene il Presidente, ha spiegato Danilo Passaro, uno degli attivisti di Somos Democracia.