Breivik a 10 anni da strage: saluto nazista durante udienza per libertà vigilata

A dieci anni dalla strage di Utoya, l'estremista Anders Breivik è entrato in aula per chiedere la libertà condizionale sostenendo di non essere più un pericolo per la società. Nel farlo, l’uomo si è presentato con un cartello attaccato alla giacca con la scritta in inglese "Stop your genocide against our white Nations", (“Ferma il tuo genocidio contro le nostre nazioni bianche”).

Quando sono arrivati i tre giudici, il 42enne si è rivolto ai giornalisti facendo il saluto nazista. In aula ha infatti dichiarato di essere "candidato al Parlamento del movimento nazista".

Il 22 luglio 2011, l'estremista di destra aveva prima fatto esplodere una bomba vicino alla sede del governo a Oslo, uccidendo otto persone, e poi ne aveva uccise altre 69 aprendo il fuoco su un campo estivo dei giovani laburisti sull'isola di Utoya. È stato condannato a 21 anni di carcere con possibilità di proroga.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli