Brescia: evasione fiscale, 18 arresti e 13 mln sequestrati (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – L’indagine, nata dal sequestro di 31 chili di hashish e dall’arresto di tre persone nel 2018 nel Bresciano, ha consentito di individuare un’associazione che commetteva reati di natura fiscale e un gruppo con ramificazioni internazionali finalizzato all’importazione di hashish e cocaina dalla Spagna, destinati alla piazza bresciana.

Uno degli indagati, grazie a un commercialista compiacente e altri complici italiani e stranieri, aveva creato un sistema basato sull’emissione di fatture per operazioni inesistenti, che aveva permesso all’organizzazione di trasferire somme di denaro nei soli anni contabili 2018-2019 per almeno 32 milioni di euro.

Il sistema consisteva nella costituzione di temporanee società ‘cartiere’, intestate a prestanome, mediante le quali venivano emesse fatture per operazioni inesistenti, del valore anche di centinaia di migliaia di euro, in favore di società compiacenti realmente esistenti e regolarmente operative nel settore dell’edilizia, della lavorazione tessile o dei metalli.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli