Brescia a governo: sigliamo patto istituzionale, basta con decreti

Gal

Roma, 9 set. (askanews) - "Sigliamo oggi un nuovo patto istituzionale, per un metodo di lavoro che non schiacci il Parlamento con l'eccessivo ricorso alla decretazione d'urgenza". Così Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari costituzionali della Camera, si è rivolto al premier Conte e ai ministri del nuovo governo Pd-M5s durante il dibattito a Montecitorio sulla fiducia.

"Il Parlamento c'è! Il Parlamento è qui per lavorare con voi! Riportiamo davvero al centro questo luogo sacro di democrazia e rendiamo protagonisti i parlamentari. Ci sono risorse eccellenti tra questi scranni, mettiamole a frutto e lasciamo loro piena autonomia!".

"Apriamo questa nuova avventura, cominciando col fare ciò che è necessario, per poi proseguire con ciò che è possibile e sono fiducioso che all'improvviso ci sorprenderemo a fare l'impossibile. Cari colleghi, dipende tutto da noi - ha detto rivolto ai deputati del Movimento ma anche a quelli del Pd -. Potremmo ripetere i tanti errori del passato - che tutti abbiamo commesso, tutti! - oppure possiamo aprire una nuova era politica, fatta sì di compromessi, ma al rialzo e nel nome di un nuovo umanesimo che garantisca doveri assicurando diritti".

"Apriamo una nuova stagione che rinunci al perenne clima di campagna elettorale, che dia peso ai fatti e senso alle parole. La classe politica deve tornare ad essere un punto di riferimento credibile per il Paese - ha sottolineato Brescia - anche nello stile e per questo ho apprezzato molto il suo richiamo al rispetto delle istituzioni, alla cura del lessico, al rispetto della persona. Apriamo un'epoca in cui forze politiche diverse tra loro mettono da parte l'orgoglio e con umiltà si mettono al lavoro per il bene del Paese, fedeli ai valori della Costituzione".