Brescia (M5s) conferma accuse a Romano: ha offeso Businarolo

Rea

Roma, 17 lug. (askanews) - "È increscioso, inaccettabile, schifoso, pensare di poter dire ad una donna che in quanto incinta non può presiedere la Commissione. Parole ascoltate da me e anche dal sottosegretario Nicola Molteni al mio fianco che ancora prima di me ha voluto stigmatizzare il comportamento di Romano". Il presidente della Commissione Affari Costituzionali, il M5s Giuseppe Brescia, conferma le accuse al deputato del Pd Andrea Romano, che - secondo quanto sostenuto dai colleghi di maggioranza - avrebbe detto che Francesca Businarolo, presidente della Giustizia, non sarebbe in grado di presiedere in quanto incinta. Le commissioni Affari costituzionali e Giustizia stanno esaminando in congiunta il decreto sicurezza bis, e vedono la dura opposizione del Pd che protesta perchè il ministro Salvini non si rende disponibile a riferire in aula sull'affaire russo.

A ssotegno delle sue accuse, il presidente della Affari Costituzionali Brescia svolge il seguente ragionamento: "Romano è stato allontanato dalla Commissione per aver pronunciato quelle parole e se non avesse pronunciato quelle parole non ci saremmo mai permessi di allontanarlo dalla Commissione".