Brescia, mamma allatta neonata sbagliata: ospedale denunciato

·2 minuto per la lettura
Brescia, mamma allatta neonata sbagliata: ospedale denunciato
Brescia, mamma allatta neonata sbagliata: ospedale denunciato

Drammatico scambio di culle alla Fondazione Poliambulanza di Brescia, dove a una mamma è stata consegnata la neonata sbagliata. L'episodio è successo lo scorso ottobre, ma da allora quella madre non si è mai ripresa e non ha ancora legato con la bambina, allattata diverse volte dopo il parto e diventata protagonista delle prime immagini inviate ai parenti dall'ospedale.

"Ho partorito all'1.55 e sono stata in sala parto perché non erano disponibili posti letto - ha raccontato la donna a Il Giorno - e dovevano aspettare il tampone per il Covid-19. La mattina dopo ho chiesto della bambina e mi hanno risposto che era nel reparto di patologia neonatale e che dopo qualche ora avrei potuto vederla. Quando è arrivato l'esito del tampone ho domandato di poter prendere la piccola al nido e così mi hanno consegnato la mia presunta figlia. Quando mi è stata data erano presenti una dottoressa e un'infermiera. Mi hanno lasciato una culla, che riportava il nome di mia figlia. La bambina indossava gli abiti da me forniti".

VIDEO - Covid o bronchiolite? Ecco come distinguere i sintomi nei bambini

È stato il marito e padre della piccola ad accorgersi che qualcosa non andava. "La bambina a me affidata non aveva il braccialetto al polso - ha spiegato la mamma -, lo abbiamo trovato nella culla. La cosa che ci ha ulteriormente insospettito è che su di esso c'era il nome di un'altra bimba. La piccola che avevo coccolato con amore e dedizione, nutrito e fatto conoscere ai parenti, non era mia figlia".

La Fondazione Poliambulanza di Brescia è il quinto ospedale per nascite della provincia lombarda. I genitori protagonisti dello scambio hanno denunciato la struttura e ora si aspetta un risarcimento dei danni.

VIDEO - Covid, il latte materno delle donne vaccinate può proteggere i neonati?

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli