Brescia: scoperta serra con 550 chili di marijuana

brescia serra marijuana

I Carabinieri di Seniga, comune situato in provincia di Brescia, hanno effettuato un blitz in una cascina nelle campagne della cittadina del Bresciano, scoprendo una serra nella quale si coltivava marijuana destinata allo spaccio. La serra era all’avanguardia tecnologica, con sistemi di sicurezza di ultima generazione e protetta da un complesso sistema di videosorveglianza. Nonostante tutte queste precauzioni attuate dagli spacciatori, i militari sono riusciti prima ad individuare il luogo segreto e poi ad entrarvi, in seguito ad una accurata indagine.

Stando a quanto riportato dal sito milano.fanpage.it, i militari dell’Arma della stazione di Leno, all’interno della serra, hanno trovato e sequestrato 114 piante di marijuana, per un totale di 550 chilogrammi. Le forze dell’ordine hanno sequestrato anche l’attrezzatura utile alla coltivazione e all’essiccazione della sostanza stupefacente. La coltivazione aveva come finalità lo spaccio.

Brescia: scoperta serra con marijuana

Le indagini dei militari sono partite dopo aver effettuato dei sequestri della droga. I Carabinieri, infatti, si sono insospettiti quando hanno notato l’improvviso calo del prezzo della marijuana. Il costo della sostanza stupefacente sarebbe passato nel giro di poco tempo dai soliti 10 euro al grammo a 2. Dopo una serie di appostamenti e interrogatori, le indagini dei militari, hanno portato alla cascina di Seniga sede di produzione della sostanza.

Il proprietario del terreno su cui è stata costruita la serra è un uomo di 58 anni. Rintracciato dai Carabinieri, attualmente si trova in carcere in attesa della convalida dell’arresto. L’accusa nei suoi confronti è coltivazione di sostanza stupefacente.