Brevetto vaccini, India e Sudafrica: rinunciate a diritti proprietà

Fth
·1 minuto per la lettura

Roma, 19 nov. (askanews) - L'India e il Sud Africa hanno proposto che gli Stati membri dell'Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO) di rinunciare a brevetti e altri diritti di proprietà intellettuale su qualsiasi trattamento e strumento relativo al Covid-19 fino alla fine della pandemia, inclusi i vaccini Moderna e Pfizer/BionNTech che saranno approvati per l'uso nelle prossime settimane. Lo scrive oggi The Guardian secondo il quale il Regno Unito sarà sollecitato a riconsiderare la sua opposizione alla rinuncia ai diritti di proprietà intellettuale per i vaccini e i trattamenti Covid-19 che verrà discussa venerdì in una riunione dell'OMC: una mossa, che secondo attivisti, consentirebbe la produzione di massa di trattamenti e vaccinazioni contro la malattia e potrebbe ridurre significativamente la durata della pandemia. I colloqui sulla proposta si terranno a Ginevra il 20 novembre. Coloro che si oppongono alla proposta indiana e sudafricana sono Regno Unito, Stati Uniti, Canada, Australia e UE, che hanno già riservato miliardi di dosi di potenziali vaccini attraverso accordi bilaterali. Se la deroga fosse adottata, consentirebbe ai produttori di iniziare a produrre vaccini Covid-19, trattamenti, diagnostica e qualsiasi altro strumento utilizzato per combattere la malattia senza timore di essere citato in giudizio o perseguito. "Apriresti le tue conoscenze, i dati, i brevetti e faresti il trasferimento di tecnologia con tutti i produttori in tutto il mondo che potrebbero farlo", ha detto al Guardian Roz Scourse, un consulente politico di Medici Senza Frontiere.